Sinfonia della Felicità – Una famiglia per noi

In Sinfonia della Felicità – Una famiglia per noi continua la saga dei due bambini rom, Livia e suo fratello Jòzsef, musicisti talentuosi sfruttati come accattoni dallo zio rom Gyorgy, accolti da Roberto e Laura nella propria famiglia ed all’interno della Fondazione Musica Senza Confini, al fine di coltivare il talento che entrambi i minori mostrano, dando loro al contempo la serenità che ogni infanzia meriterebbe.

In questo secondo volume, ancora a firma dell’ottima Simona Maria Corvese, il passato torna ad incombere nei panni dello spregiudicato zio Gyorgy, direttore di una orchestra rom utilizzata da copertura per furti e traffico di bambini; l’uomo, che gode di una fitta rete di complicità in Italia ed all’estero, non si rassegna a perdere i nipoti, ed a più riprese organizza incontri, trappole, ricatti, cui Roberto, Laura ed i loro più stretti amici e sodali si trovano a dover far fronte.

In un contesto così fluido, se la musica appare fonte unica di emancipazione dal passato e volàno per un’esistenza “normale”, il rischio di tornare ad una vita semiclandestina, pressoché illegale, agita i sonni di Livia e Jòzsef; con un distinguo, tuttavia: lei è convinta di voler restare nella nuova famiglia, facendo della musica la propria musa e guida; lui, invece, vorrebbe tanto riabbracciare la madre Victoria, sorella di Gyorgy.

Quando tutto sembra già scritto e Roberto, dopo un inevitabile scontro, è prigioniero dell’aguzzino Gyorgy, l’Amore, incarnatosi nelle fattezze della giovane e dolce Miriam, saprà dare esiti imprevedibili all’intera vicenda.

Una narrazione convincente e commovente, per una storia, quella di Livia e Jòzsef, che, per quanto è appassionante, merita senz’altro di non fermarsi qui.

ACQUISTA IL LIBRO QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *