intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Francesca Battaglia

Dopo aver letto il libro “Le avventure di Spicchio e Spiro – Le patate vagabonde”, l’autrice Francesca Battaglia ha risposto così alle nostre domande. Innanzitutto, da cosa è nata l’idea di una serie “gialla”, dedicata prettamente ai giovani lettori? Da quali passioni personali, da quali aspirazioni ed esperienze trae origine? L’idea della serie gialla mi[…]

intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Ornella Gatti

Dopo aver letto la silloge di poesie “Se lo sguardo è da un oblò”, l’autrice Ornella Gatti ha risposto così alle nostre domande. Innanzitutto, quanto l’oblò del titolo è reale, e quanto invece indica semplicemente un punto di vista, protetto e soggettivo, sulla realtà? Avendo vissuto per diversi anni su un’imbarcazione, l’oblò concretamente era la[…]

intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Gabriele Battista

Dopo aver letto il romanzo “Foodporn”, l’autore Gabriele Battista ha risposto così alle nostre domande. Cosa comunemente si intende con il neologismo “Foodporn”, oggi così presente tanto nei media tradizionali quanto in quelli digitali? Bellezza e bontà di un piatto che incontrano la lussuria. A volerlo, siamo inondati di provole filanti, pizze con cornicioni-canotto, paste[…]

intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Nicola Testa

Dopo aver letto il romanzo “La collera della regina”, l’autore Nicola Testa ha risposto così alle nostre domande. Innanzitutto, perché raccontare di un luogo reale e di leggende che davvero si narrano, articolandole in un corpus unitario piuttosto che inventare tutto di sana pianta? Cosa ha di speciale per te l’Abbazia di Lucedio? Beh, la[…]

intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Fausto Marchi Scrittore

Dopo aver letto il romanzo “La vestale di Dagon”, l’autore Fausto Marchi ha risposto così alle nostre domande. Perché hai scelto di narrare di una mitologia così aliena da quella classica greca e latina, cui invece il pubblico italiano è decisamente più avvezzo? Innanzi tutto, grazie della cortese intervista. Inizio con il dire che mi[…]

intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Fantom Caligo & The Dark Show Scrittori

Dopo aver letto il romanzo “Il sacro ordine del mistero della notte”, gli autori, celati dagli pseudonimi Fantom Caligo e The Dark Show, hanno risposto così alle nostre domande. Innanzitutto, in cosa si differenzia il vostro romanzo, che voi stessi definite dark fantasy o grimdark, dal fantasy propriamente detto, ad esempio quello di J. R.R.[…]

intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Lorenzo Bernardo Scrittore

Dopo aver letto il romanzo “Il tripode di Delfi”, l’autore Lorenzo Bernardo ha risposto così alle nostre domande. Innanzitutto perché hai scelto quale titolo “Il tripode di Delfi”? La scelta del titolo è dovuta per ragion di contenuto, ovvero nel medesimo scritto diviso tra sonetti e canti, la lingua rimarcata di un arcaico classicheggiante poteva[…]

intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Pietro Bertino Scrittore

Dopo aver letto il romanzo “Il granello di sabbia”, l’autore Pietro Bertino ha risposto così alle nostre domande. Qual è stata l’ “urgenza” interiore che ti ha spinto a scrivere un romanzo distopico sì, ma decisamente verosimile e plausibile? Ti preoccupa la deriva populista imboccata dalle democrazie contemporanee nel loro complesso politico, economico e sociale?[…]

intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Karl Tenbro Scrittore

Dopo aver letto il romanzo “Nibiru”, l’autore, celato dallo pseudonimo di Karl Tenbro, ha risposto così alle nostre domande. Innanzitutto, cosa è “Nibiru” nel volume? Perché questo nome, tradizionalmente legato al “pianeta killer”? Nibiru è un luogo essenziale nella mitologia della storia e non solo. È il guado per il protagonista e deve decidere se[…]

intervista-francesca-battaglia-scrittrice

Intervista a Luciana Cerreta Scrittrice

Dopo aver letto il romanzo “Bellanima”, l’autrice Luciana Cerreta ha risposto così alle nostre domande. Innanzitutto, da cosa nasce la scelta di narrare lo sfilacciamento e poi la fine di un amore, in una contingenza storica in cui la narrativa amorosa e più commerciale è prettamente “a lieto fine”? “Bellanima” nasce soprattutto da un’esigenza: rendere[…]