intervista-clarissa-tornese

Intervista a Clarissa Tornese

Dopo aver letto il volume “Diario di una squilibrata”, l’autrice Clarissa Tornese ha risposto così alle nostre domande. Janis, la protagonista del tuo romanzo, è una ragazza sui generis, ma in fondo nemmeno tanto dissimile da tante coetanee e coetanei del mondo di oggi, pervasi – talora più o meno consapevolmente prostrati – da una[…]

intervista-clarissa-tornese

Intervista a Anna Maria Arvia

Dopo aver letto il volume “Le meravigliose avventure di un’insegnante precaria”, l’autrice Anna Maria Arvia ha risposto così alle nostre domande. Da cosa nasce l’esigenza di raccontare le peripezie dei tuoi anni da insegnante precaria? Pensi che la tua storia possa dissuadere o piuttosto incentivare, o in generale interessare chi si sta specializzando per l’insegnamento[…]

intervista-clarissa-tornese

Intervista a Emilia Anzanello

Dopo aver letto il volume “Erano Knochensturme”, l’autrice Emilia Anzanello ha risposto così alle nostre domande. “Erano Knochensturme” sceglie di raccontare la guerra dei vinti, e per di più di coloro i quali sono etichettati spesso come “il male assoluto”: perché una scelta così “scomoda”? Tu sembri “suggerire” che le SS non siano state il[…]

intervista-clarissa-tornese

Intervista a Laura Calderini

Dopo aver letto il romanzo breve “Il pinguino con le ali”, l’autrice Laura Calderini ha risposto così alle nostre domande. Il pinguino con le ali è metafora del manoscritto – ancora “grezzo” e asistemico – che, grazie al contributo di correzione bozze, editing, grafica, diviene vero e proprio libro: quanto incide tale contributo affinché lo[…]

intervista-clarissa-tornese

Intervista a Yuri Vargiu

Dopo aver letto il romanzo “Astro e la chiave pedagogica”, l’autore Yuri Vargiu ha risposto così alle nostre domande. Da cosa nasce l’esigenza di affrontare concetti pedagogici in un libro divulgativo, addirittura pubblicato in una collana “per ragazzi”, e non – come sovente viene fatto – in un’opera a carattere saggistico? Nel racconto sono presenti[…]

intervista-clarissa-tornese

Intervista a Berenice

Dopo aver letto il volume “I debiti”, dell’autrice celata dallo pseudonimo Berenice, la stessa ha risposto così alle nostre domande. Il debito filtrato dalla sensibilità della tua narrazione si presenta sotto forma di nodo alla gola pervicace, dilaniante, ansiogeno, anche quando è contratto per puro altruismo, come nel tuo caso. Come hai sopportato la dicotomia[…]

intervista-clarissa-tornese

Intervista a Maria Caterina Basile

Dopo aver letto il volume “Vita di Paese”, l’autrice Maria Caterina Basile ha risposto così alle nostre domande. Il protagonista di “Vita di Paese”, Damiano Pellegrino, incarna le inquietudini – spesso inespresse – di tanti emigrati: perché hai scelto di raccontare il “lato oscuro” del fenomeno migratorio? Quanto pensi questo lato in ombra esista e[…]

intervista-clarissa-tornese

Intervista ad Arizona Ross

Dopo aver letto il volume “Il ponte tra me e te”, l’autrice Arizona Ross ha risposto così alle nostre domande. Innanzitutto, partiamo dal titolo: quale e quanta importanza riveste il ponte di Brooklyn, evocato sin dal titolo del tuo romanzo? Più in generale, qual è la potenza iconica del ponte sospeso più famoso al mondo?[…]

intervista-clarissa-tornese

Intervista a Viola Musaraj

Dopo aver letto il volume “Dark Dreams”, l’autrice Viola Musaraj ha risposto così alle nostre domande. Innanzitutto, il titolo: perché scegliere di sottolineare l’aspetto più “oscuro” della vicenda, se per tanta parte trattasi di romanzo giovanilista con qualche concessione al romanzo “rosa”? Il punto centrale della saga, che sarà ancora più chiaro con i sequel,[…]

intervista-clarissa-tornese

Intervista a Stefania Calesini

Dopo aver letto la silloge poetica “Richiami di deriva”, l’autrice Stefania Calesini ha risposto così alle nostre domande. Innanzitutto, come leghi “la deriva” cui fai riferimento nel titolo a componimenti spesso, se non gioiosi, quantomeno “sereni”? La deriva è il desiderio di andare senza schemi prefigurati, di fuggire da rotte designate e previste. É l’inquietudine[…]