Bellanima

bellanima-libro-1Non la costruzione e il vissuto, bensì la disfatta di un amore è il tema portante del libro di Luciana Cerreta.

Senz’altro una scelta controcorrente quella di trattare delle macerie dell’amore, di ciò che resta dopo che uno dei due partner si è allontanato, tradendo il sogno e le comuni speranze, ed uccidendo – meglio sarebbe dire lentamente torturando – i sentimenti dell’altro.

In un contesto storico in cui ogni sentimento appare sempre più “a scadenza”, la scrittrice enuclea, attraverso la protagonista, la propria idea di amore: un sentimento potente, onnicomprensivo, totalizzante, che, ove non ricambiato e/o tradito, conduce immancabilmente all’autodistruzione.

Pagine, quelle di Bellanima, che fluiscono velocemente, avendo il potere di rapire il lettore, catapultandolo in quell’abisso buio e senza fondo che è l’anima devastata dell’io narrante:

“Ho raccontato molto di ogni cosa, ma di quando eravamo zitti e soli a guardare il tappeto con il mondo che mi scoppiava dentro, non scriverò.

Non dirò della felicità, non della leggerezza e nemmeno che poi, quando te ne sei andato, dondolavo appesa a un filo. Né dirò di come dopo lo hai reciso, mandandomi alla deriva.

Ma ci sono navi che salpano e poi tornano in questo porto intricato che è il mio cuore, controverso e indefinito come un mandàla: legano e slegano corde alla banchina.”

Un romanzo che altro non è se non flusso di coscienza, irrefrenabile e disperato, con vette di lirismo narrativo quali perle preziose, atte a lasciare basiti ed estatici dinanzi a tanta accorata, struggente e maledetta poesia.

ACQUISTA IL LIBRO QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *