Direzione Ipotenusa

direzione-ipotenusa-libro-1In Direzione Ipotenusa, l’autrice Mirca Ferri – ormai scrittrice di razza, alla luce delle sue numerose e valide pubblicazioni (“Lati scaleni”, fra tutte) – prosegue la narrazione della vita della giovane Melissa, considerata stavolta nella fase di passaggio fra la tarda adolescenza e l’età adulta.

Gli ingredienti del romanzo – scritto con grande maestria, sia in quanto a forma sia in quanto a sostanza, risultando accattivante leggero e magnetico – sono ancora una volta l’amore, l’amicizia, lo studio, il lavoro, gli imprevisti che si insinuano in un percorso che solo fino a qualche anno prima i protagonisti si illudevano di poter “guidare”, o quantomeno controllare.

“Direzione Ipotenusa” narra della volontà della protagonista di evolvere, di superare i propri limiti (una volta presone consapevolezza), di accettare che è il caso di cominciare “a far sul serio” perché l’età dell’irresponsabilità, dei sentimenti incontrollati e incontrollabili, del puro istinto è finita.

Dunque Melissa, nelle sue vicissitudini, si confronta – “vivendoli” in prima persona o sulla pelle di persone a lei vicine – con bulimia, anoressia, gravidanze indesiderate, amori brevi e “di circostanza”,  convivenze, rapporti amorosi sul luogo di lavoro, ricadute in situazioni sentimentali sin troppo tristemente conosciute.

Mirca Ferri descrive magistralmente un altro, significativo tassello della giovane vita della sua pupilla; a noi,  lettori appassionati di Melissa e della sua gang, il gradito compito di esplorarlo!

ACQUISTA IL LIBRO QUI

2 thoughts on “Direzione Ipotenusa

  • Che recensione magnifica. Mi attrezzero’ subito per acquistarlo (anche quello precedente). Gli argomenti cosi’ variegati e il percorso intrapreso dalla protagonista che cresce stimola molto la mia curiosità a maggior ragione quando il libro è scritto bene. Volo su amazon!

  • Concordo su quanto scitto dal recensore. “Direzione Ipotenusa” è un magnifico seguito del precedente”Lati scaleni”. L’autrice evolve non solo la sua protagonista ma il suo stesso stile narrativo risultando una lettura di spessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *