Radici d’infanzia, ali di vita

radici-infanzia-ali-vita-1Il libro Radici d’infanzia, ali di vita racchiude il suo senso più profondo nel titolo: ciascuno di noi, più o meno consapevolmente, in età adulta si comporta coerentemente con quanto appreso, vissuto, creduto durante l’infanzia; essa è una vera e propria forgia della personalità, un imprinting a cui (è l’opinione degli psicologi) difficilmente – e mai del tutto – ci si sottrae.

La giovane autrice Mirca Ferri racconta – quasi celebrandola – la propria infanzia presso l’allevamento di famiglia, a Sassuolo: un allevamento fatto non solo di stalle e recinti, ma anche e soprattutto di vasti terreni, boschi, laghi artificiali, orti, depositi, in cui convivevano gomito a gomito la famiglia del padrone e quelle dei lavoranti, in cui i rispettivi figli erano un sottoinsieme significativo e identitario nell’insieme di questa grande “famiglia allargata”.

Tuttavia, oltre alla bellezza di un’infanzia libera e quasi “autogestita” nel tempo libero dalla scuola, quel che spicca è la capacità di quei bambini di stare insieme gestendo i rapporti fra loro senza che fosse necessaria alcuna ingerenza da parte degli adulti: una comunità in grado di risolvere da sé i problemi interni… utopia, se si chiede ai genitori di oggi! Dove è andata a finire quella capacità? Forse è morta col rifiuto, da parte dei genitori, di accettare che soltanto se il bambino rischia (rischi calcolati, certo) in prima persona potrà essere un adulto consapevole, maturo e socialmente adeguato.

Più di tutto, Mirca Ferri scrive un inno all’amicizia, esplicitando che il legame amicale nato e consolidatosi nella prima fanciullezza è destinato a vivere – traendo linfa da se stesso – in eterno.

Un libro ch’è un microcosmo intimo, che soprattutto funge inevitabilmente da trampolino per il sogno ed il ricordo della propria infanzia da parte del lettore; pagine che alludono al fatto che quel passato – il più remoto a nostra memoria – anche se raramente ricordato, è un “rumore di fondo”, un sostrato consolidato, che in fondo non muore mai…

ACQUISTA IL LIBRO QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *