Condannati a morte

condannati_morte1Condannati a morte della brava Paola Di Nino è un romanzo sociale, oseremmo dire: con maestria, sin dal titolo, l’autrice imbastisce una storia in cui problematiche tipiche della realtà “democratica” contemporanea (per quanto reiette e, agli occhi dei più, “marginali”) vengono elaborate lasciando, tramite una narrazione ponderata, al lettore il retrogusto amaro di chi percepisca quanto – per certa parte della popolazione – la giustizia possa essere utopistica e persino “ingiusta”.

Koray e Azmiye sono due ragazzi turchi (maschio il primo, femmina la seconda) immigrati irregolari, accusati ingiustamente (come velatamente suggerito dalla penna dell’autrice) di stupro, spaccio e omicidio; in seguito a ciò, dunque, condannati a morte, in un’Italia – nemmeno troppo irrealistica – in cui vige la pena capitale.

La guardia carceraria – unica donna del penitenziario ove i due sono rinchiusi – prende coscienza degli abusi cui i ragazzi sono sottoposti, ed inizia una difficile battaglia – peraltro mai dichiarata – contro i propri colleghi e superiori (il direttore del penitenziario, in primis) nella quale vengono via via coinvolti un giornalista (ucciso in seguito ad essa), un investigatore privato ed un rampante avvocato, tanto preparato quanto appassionato nella difesa strenua degli imputati.

Il romanzo prende corpo dalla narrazione in prima persona della guardia carceraria, ed ha risvolti inaspettati (un amore totale e pervicace) e sorprendenti (il finale riserva una nota di affranta dolcezza) che conferiscono spessore emotivo al testo.

Tuttavia, il merito maggiore dell’autrice risiede nel coraggio di confrontarsi con temi “scomodi” e di grande attualità: la situazione delle carceri italiane, le violenze delle guardie carcerarie ai danni dei prigionieri, la connivenza omertosa o pavida dei colleghi, l’inconsistenza legislativa patita dagli immigrati clandestini, l’opportunità della pena capitale… tutte questioni delicatissime e intrinsecamente controverse, affrontando le quali Paola Di Nino profonde sensibilità e passione fuori dal comune.

ACQUISTA IL LIBRO QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *