Il cuore di un padre

padre-e-figlio2Enrico Buongiovanni nel suo romanzo d’esordio, Il cuore di un padre, narra di un’esistenza apparentemente asfittica, di una quotidianità, ai giorni nostri, quasi seriale: Riccardo, il giovane protagonista, ha un lavoro precario e una vita routinaria, grommata dalle preoccupazioni che in fondo affliggono ciascuno di noi (l’affitto, le bollette, gli amici, l’amore, la famiglia).

Filo conduttore del romanzo è il rapporto – dapprima sfilacciato e perso, poi, sul tragico finale, recuperato – con Paolo, padre da sempre assente, ufficialmente per motivi di lavoro, in realtà per il senso di solitudine profondo vissuto nel rapporto, infelice e spento, con la propria famiglia (sua moglie Angela, sua figlia Luisa ed il protagonista Riccardo).

Accanto alle dinamiche familiari, Riccardo svolge la propria vita insieme a Prince (amico alcoolista e con grossi problemi familiari), Matthew (fratello maggiore di Prince, nonchè uomo protettivo e paterno, destinato a scomparire prematuramente), Edoardo (collega di Riccardo), in una sequela di osservazioni intimistiche e persino politico – religiose decisamente variegate e pindariche, che sovente appesantiscono la fluidità del racconto, disorientando il lettore nel momento in cui fanno perdere il filo rosso del narrato principale (si vedano in proposito le digressioni relative a Erica, infatuazione fugace, ed a Romano, insegnante del protagonista).

Come detto, solo nell’epilogo – quando la figura di Paolo viene più approfonditamente caratterizzata – lo scritto rende giustizia al titolo: il padre assurge a comprimario, ruolo che tuttavia sarebbe logico rivestisse sin dalle prime pagine.

Complessivamente, più che un romanzo, l’opera di Enrico Buongiovanni appare quale diario intimo (forse non è in tal senso un caso la narrazione in prima persona), taccuino personale pregno di autentica sensibilità, in cui la vita “oggettiva” lascia il posto a moti soggettivi profondi, irrazionali, sinaptici, non di rado commoventi, quasi che l’autore stesso sia, al pari del suo protagonista, alla ricerca del proprio, personale ed irripetibile “posto nel mondo”.

ACQUISTA IL LIBRO QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *