Il sorpasso dell’irrealtà

chiharu-shiota-2Anemone Ledger è uno pseudonimo che presto ci risulterà – è l’auspicio e la certezza – tutt’altro che anonimo.

La scrittrice che dietro esso si cela, nella raccolta di racconti intitolata Il sorpasso dell’irrealtà mette in campo una scrittura gradevolissima, fluida, pregna di pathos, evocativa e spumeggiante, mai ripetitiva, in grado di tenere incollato il lettore dalla prima all’ultima riga dell’agile libello.

Il titolo pienamente evoca quanto contenuto nel volume: racconti horror, atmosfere oniriche, introspezioni psicologiche originali e tuttavia decisamente verosimili, e la presenza del diabolico nei bambini e negli animali, forse il dettaglio più inquietante dello scritto; bellissimi i soliloqui interiori dei protagonisti, pennellati davvero come fossero frutto di personalità “alterate”.

Menzione specifica merita il racconto della tragica vicenda del conte Ugolino, che l’Inferno dantesco vuole costretto suo malgrado a cibarsi dei cadaveri dei propri figli per sopperire ai morsi laceranti della fame: un precedente illustre che non scoraggia l’autrice, la quale, tenendo ben fede alla storia narrata dal sommo poeta, la arricchisce di particolari fisici e di sfumature psicologiche, rendendola vera “perla” della propria silloge.

Aleggia sui diversi capitoli un’atmosfera di nebbiosa oscurità, di abissale disperazione, di esasperata ed esasperante solitudine, di incomprensione assoluta, nonché l’esplicita volontà, da parte dell’autrice, di  “registrare ” narrando, scevra da ogni pur remota tentazione censoria.

Una prova superba, per una scrittrice in odore di talento vero.

ACQUISTA IL LIBRO QUI

One thought on “Il sorpasso dell’irrealtà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *