Il Demone dello specchio

demoneneroDiana Mistera ne Il Demone dello Specchio seguita a narrare le vicende di Orpheus (titolo del primo libro della trilogia dedicata al rocker – vampiro) e di Geena, laureanda in antropologia e fidanzata del predetto.

Il volume è tutto incentrato sul “viaggio”: il viaggio in Transilvania, dove i due si recano per perfezionare alcuni passaggi della tesi di laurea di lei, ma soprattutto quello – ben più avvincente – che i due protagonisti affrontano alla ricerca di sé:  un viaggio di ombrosi presagi, di sinistre sensazioni, di sogni inquietanti e bruschi risvegli, un percorso in cui l’essenza più istintuale, irrazionale, ferina e sovraumana avvolge, sconvolge e semantizza due esistenze apparentemente “normali”.

Senz’altro, dunque, un romanzo gotico, quello dell’autrice, impreziosito da una sapiente carica introspettiva, grazie a personaggi dalla psicologia verosimile e complessa, oltre che un affresco affascinante e corale circa la mitologia est europea; in tal senso, figure chiave risultano essere quella di Stephan (gemello “inconsapevole” di Orpheus), di Samyaza (“angelo dalle nere ali” che ha scelto, da immortale, di amare una donna umana e dunque mortale), di Enaid (colei che Samyaza ama, costretto suo malgrado ad assistere alla morte e reincarnazione di lei, per poterla così riamare).

Sullo sfondo del castello del conte Vlad III, “l’impalatore”, si dipana una vicenda capace di tenere il lettore avvinto ad ogni singola pagina, sospeso, sulla scia dei protagonisti, fra umane passioni (gelosia, paura, erotismo) e tensioni ultraterrene (passato e presente della stirpe dei vampiri).

ACQUISTA IL LIBRO QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *