Racconti Puzzle

1379706580271.jpg--Gli otto racconti proposti nel volume Racconti Puzzle dall’editore Ellister, sono prova di come, a partire da dieci parole (farfalla, faro, scarpa, deserto, bucaneve, sale, filo, coltello, labirinto, diamante) – alcune delle quali decisamente usuali e “comuni” – ciascun autore possa concatenarle e ricollocarle, riassemblarle (in qualche modo connotandole) in narrazioni fra loro eterogenee (circa ambientazioni, personaggi, generi letterari, caratterizzazione psicologica, pagine impiegate, stile di scrittura) con risultati sovente soddisfacenti per il lettore.

Al di là dell’originalità del divertissement letterario (il “puzzle” costituito dalle dieci parole in questione), alcuni racconti colpiscono particolarmente per la freschezza magnetica dello stile e per la spiccata originalità della trama: il primo, ad esempio, capace di pennellare con poche, adeguate parole, una insoddisfacente vita di coppia, in cui la “lei” di turno sembra impazzire; il quarto, che narra la storia di una ragazza di buona famiglia, la cui vita viene spezzata dalla mondanità e dai demoni della metropoli, sulla via della droga, da Terni al Messico, in compagnia di un finto amore; il settimo, che descrive un amore adolescenziale, rivelato al chiaro di luna, lungo una scia di romantici indizi.

Da notare che, fra le parole da inserire in ogni singolo racconto, “bucaneve” era quella forse più ostica, e tuttavia in assoluto la più evocativa e la meglio connotata dagli autori coinvolti nell’esperimento.

Una raccolta di penne emergenti e capaci, che non può mancare nella propria libreria virtuale.

ACQUISTA IL LIBRO QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *