Un biglietto di sola andata per Berlino

Senza ombra di dubbio Un biglietto di sola andata per Berlino è un romanzo d’amore che non ha la pretesa di raccontare una storia da favola, di quelle che difficilmente si crede possano esistere.

L’autrice Angela Parise riesce a stupirci con la semplicità dei sentimenti di una giovane coppia nata durante un viaggio di studio.

Da un lato Hans, il terribile e glaciale bancario tedesco, dall’altro Marta, studentessa volenterosa e ragazza dal cuore d’oro. Eppure gli sguardi si incrociano ed il destino fa il suo corso, non importa quanto possiamo volerlo ostacolare. La loro storia d’amore è travolgente, ricca di colpi di scena, e di altri e bassi che solo due innamorati davvero uniti riusciranno a superare.

L’aggiunta di nuovi elementi in una seconda stesura ha contribuito ad una scrittura più consapevole, ha arricchito il testo di particolari sempre più minuziosi, che uniti alla cura della presentazione di ciascun personaggio, armonizza il tutto rendendolo più coinvolgente.

Molto dolce una delle citazioni del protagonista maschile, che mi piacerebbe riportare: “Io ti amo da morire, Marta. Anzi, morire è un termine che non esprime a dovere quello che sento. Meglio ti amo da vivere. Non si muore per amore bensì si vive”.

In un mondo sempre più disilluso e cinico un lieto fine non può che farci bene.

Recensione a cura di: Maria Carlucci

ACQUISTA IL LIBRO QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *