Un volo di farfalle

untitled(2)

Brunella Giovannini con il suo romanzo Un volo di farfalle ci ha regalato una lettura stupenda.

Il romanzo è ambientato nella Sicilia dei nostri tempi, quella Sicilia che accoglie tutti i giorni innumerevoli stranieri che fuggono da realtà drastiche. Quella Sicilia che conosce realtà non sempre comprese, realtà difficili, tristi e disperate.

Anna Paola ed Aisha sono due bambine che vivono due vite diverse. La prima, italiana, vive la sua vita quotidiana nella pace e nella tranquillità di una famiglia con una buona posizione, ma soprattutto in un paese che non è in guerra. Aisha sta scappando con la propria famiglia da Damasco, assediata da religiosi fanatici  che portano distruzione e morte. Le due piccole si incontreranno in una situazione particolare, poco piacevole, ma da tutto ciò nascerà la loro amicizia, e non solo.

L’autrice ci permette attraverso il suo lavoro di avere una visione su ciò che tutti i giorni viviamo in maniera indiretta dai quei tg che riportano notizie prive di calore umano. Ci trascina lì, tra quelle persone, tra le loro paure e le loro ambizioni. Tra la loro voglia di vivere.

La storia trascina in un vortice di emozioni forti, riesce a catapultare il lettore in situazioni del tutto sconosciute, grazie all’abilità della scrittrice di riuscire a far passare in maniera chiara il proprio messaggio.

La dolcezza dell’amicizia delle bambine, il messaggio che contiene il titolo del romanzo,la disponibilità dei vari personaggi verso questa famiglia fuggita da un’avvilente realtà, sono il punto forte di tutto il lavoro.

La capacità di questa scrittrice di far immergere il lettore in questa storia sta tutta nella sua scrittura che si insinua, facilmente, nella sensibilità del lettore che pagina dopo pagina apre il cuore allo scorrere degli avvenimenti. Chi legge si trova catapultato in quelle realtà che raramente possono essere comprensibili, un messaggio di pace e di solidarietà fa da filo conduttore a tutta la storia.

Non mancano scene di eventi poco spiegabili, incontri in quella realtà parallela che nessuno può dire di aver conosciuto, o se l’ho fatto, di averne coscienza. Le bambine che sembrano essere il fulcro principale della storia, non sono altro che lo snodo di una storia ancora più profonda.

Molti riscontri storici, religiosi e filosofici, rendono ancora più interessante la lettura che scorre velocemente.Uno stile di scrittura dolce, semplice e profondo, che non si perde in discorsi stupidi o prolissi. Una scrittura rapida e coincisa. La scrittrice riesce a rendere palpabile qualsiasi tipo di sentimento: paura,  angoscia, tristezza, solitudine ed infine l’amore.

Le farfalle saranno l’incarnazione della dolcezza del messaggio. Non mancheranno i brividi lungo la schiena alla fine della lettura.

Farne una recensione non risulta essere facile. Soprattutto se il libro tocca la sensibilità di chi lo legge.

Un libro attuale,vero, profondo e delicato. Una lettura che va fatta tutta d’un fiato.

Recensione a cura di: Angela Costagliola

ACQUISTA IL LIBRO QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *